Cerca
  • info MURRI FRANCESCO

Lo stile non si copia, si crea.

Lo stile è un linguaggio che comunica al mondo la tua personalità: se vuoi esprimere davvero te stessǝ non puoi lasciarlo al caso.

Ti sei mai chiesta cosa sia esattamente lo stile? No, non è solo l’outfit o le tendenze della moda, sarebbe riduttivo. Ha a che fare con l’immagine, ma non è un aspetto superficiale.

«Le style c’est l’homme même» rispose G.L. Buffon all’Accademia di Francia nel 1752. «Stile è l’essere umano stesso», cioè un modo distintivo e personale per esprimere la propria identità. Stile è tutto ciò che ti caratterizza ed è strettamente connesso alla tua personalità. Lo stile non è solo apparenza, non è associato all’età ma all’atteggiamento di ogni persona verso l’esterno e al modo di comunicare il proprio mondo interiore.

I movimenti, il modo di parlare, il tono della voce, la sensibilità di una persona contribuiscono a definirne lo stile. Ecco perché lo stile non si può copiare: per avere veramente stile bisogna crearsi il proprio, affinché possa esprimere quello che siamo, quello che sentiamo e quello che vogliamo comunicare.


In questo senso il look è il linguaggio più immediato: il modo in cui ti vesti, ti trucchi (o no) e porti i capelli, i colori che indossi – come ti presenti, insomma – dice molto di te agli altri e nello stesso tempo influisce sulla percezione che hai di te stessa, aumentando la coscienza di te e la tua autostima.

Certo, gli stili codificati dalla cultura e dalla moda aiutano a “decodificare” il messaggio, ma è bello prenderli soltanto come ispirazione: mischiare, contaminare e sentirsi libere di crearne uno del tutto particolare ti rende unica e riconoscibile.

Per questo inauguriamo una rubrica mensile su questo blog, attraverso il racconto degli stili principali della storia della moda.


Non sarà una guida, ma una raccolta di spunti e suggestioni per riconoscere il tuo o provare a definirlo se non lo hai ancora trovato.

8 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti