EMMERRE BEAUTY LAB – MURRI FRANCESCO

EMMERRE BEAUTY LAB

La mission

Creare cosmetici con prodotti locali e di stagione, che siano in grado di ridare il tempo che ciascuno si merita.
Seguiamo il ritmo delle stagioni e questo comporta avere accesso ai frutti secondo disponibilità della terra. Ci impegniamo nel rispettare questo ritmo e ad uniformare di conseguenza il processo
produttivo. La composizione dei cosmetici varia secondo i frutti di stagione ed è per questo che offriamo un prodotto fino ad esaurimento scorte ed usabilità.
Ma anche la bellezza stessa ha una data di scadenza. E quando questo accade non vuol dire che si è esaurita, ma è tempo di cambiare il ritmo e scegliere un nuovo frutto.
Maturiamo con le stagioni, insieme a te.
Mò lo sai.

Il business.

Siamo la naturale evoluzione scientifica della tradizione.
Da Emmerre Beauty Lab incentriamo il business sulla cosmesi Made in Italy. Un saper fare che fonda le radici nelle proprie origini e nella terra di appartenenza, la Puglia, e si innova semplicemente, con le conoscenze scientifiche.
Nel processo di produzione dei nostri cosmetici viene utilizzata solo frutta di stagione, aspettando i frutti migliori della terra. Per questo ci piace definire i nostri cosmetici lenti. Rispettiamo il ritmo della natura, per rispettare te.
I prodotti utilizzati provengono solo da fornitori locali: dai contadini della Valle d’Itria che con amore coltivano le risorse della nostra Terra. Ci piace sostenerci a vicenda. Tutti i prodotti sono a base di acido ialuronico a 3 pesi molecolari, per esaltare le proprietà della frutta e apportare un reale beneficio in fase di utilizzo.
La formulazione è un composto di acqua, oli estratti dai frutti e acido ialuronico.

I valori.

A ritmo lento.

Siamo cosmesi lenta.
Siamo prodotti da gustare nella loro genuinità e freschezza.
Siamo per tutti. Il nostro corpo, così com’è, ci rende unici. Sosteniamo l’esaltazione delle imperfezioni. L’amore con cui realizziamo i cosmetici è portavoce di un chiaro messaggio: sii la tua persona preferita, sempre.
Siamo buoni, ma non siamo da mangiare. Siamo lentamente pugliesi e naturalmente buoni.

Mò hai capito?